THE VISCERAL MADNESS CONDITION - ''Love Me, Kill Me, Hate Me, Kiss Me''

THE VISCERAL MADNESS CONDITION

"LOVE ME, KILL ME, HATE ME, KISS ME"

A cura di Robin Bagnolati,

revisione di Giulia Fordiani

I The Visceral Madness Condition prendono vita dalla mente di Quattro musicisti pescaresi: Dirty Dave (voce - The Dirts/BTH), Federico Romano (chitarra - Process Mass Destruction/Mantide), Danilo Del Conte (basso - The Joker, Virgin Love Juice, Psychorifle, The Masturbones, Mantide) e Mauro "The Butcher" (batteria - Mantide/BTH). Quello che nasce da questa unione è un melting pot di generi, basato su di una matrice Sludge-Doom con forti influenze che vanno dagli anni 80 e 90. Il primo frutto della band è il singolo “Love Me, Kill Me, Hate Me, Kiss Me”, uscito all’inizio di questo 2018, contenente due brani che andremo ora ad analizzare, in attesa del primo album al quale la band sta attualmente lavorando.

 

Without A Soul” – Inizio lento e pesante, cantato estremamente graffiato chein certi momenti si avvicina al growl. Il testo è piuttosto ripetitivo, anche nella metrica e lo strumentale non si differenzia di molto. Lo schema di strofa e refrain viene interrotto dopo due minuti e mezzo, cambiando riff e metrica, ma ritornando a creare la ripetitività. Rivedibile.

The Prophet” – Il secondo brano è più lungo del precedente. Il basso è il protagonista solitario dei primi secondi, prima che lo strumentale al completo faccia il suo ingresso in scena. Il cantato sembra registrato lontano dal microfono, mentre gli strumentisti procedono con una base lenta, piuttosto pesante. Ai due minuti e quaranta finalmente ci si scuote, i ritmi aumentano, il cantato si velocizza: niente di trascendentale, ma almeno ci si riprende un po’ dal torpore. Il finale altro non è che un loop di quelle quatto/cinque battute, ripetute più e più volte.

 

Ovviamente da sole due tracce non è facile trarre chissà quali conclusioni sulla band. I brani sono sicuramente suonati bene e il valore dei musicisti non è in discussione. Fatto sta che, musicalmente parlando, siamo di fronte ad un lavoro difficilmente digeribile da chi non è avvezzo al genere, che potrebbe percepire questi due brani come mattoni sullo stomaco. I nostri hanno doti ed esperienza al loro arco e speriamo che ciò venga messo maggiormente a frutto.

 

 

 

TRACKLIST

1. Without A Soul

2. The Prophet

 

 

 

VOTO

6/10

 

"The Prophet"

Pubblicata il 3 Aprile 2018

THE VISCERAL MADNESS CONDITION

Pagina Facebook

Bandcamp

 

robin.reviews@hotmail.com

 

Insieme a voi dal

12 Ottobre 2016

by Robin Bagnolati