SUPERHORROR - ''Hit Mania Death''

SUPERHORROR

"HIT MANIA DEATH"

A cura di RocketTobi,

revisione di Giulia Fordiani

I SuperHorror tornano con un quarto album “Hit Mania Death” (uscito il 27 Settembre) che ne constata il loro ottimo status, regalandoci musica mai banale e colma delle più svariate influenze (come sottolineano nella loro bio) che sono decisamente e piacevolmente udibili. Il pregio di questo quartetto sta nel riuscire a non prendersi mai sul serio esprimendo la loro creatività con la consapevolezza di chi sa il fatto suo. La band è formata da:

 

Edward J. Freak – Voce

Mr.4 – Basso

DidiBukz – Chitarra & Kazoo

Franky Voltage – Batteria

 

Tra le 12 tracce dell’album ci si scontra subito con l’apripista “Ready, Steady... Die!” che si affaccia con un intro tra il Funk e il Country per poi svilupparsi in un Punk Rock spartano tutto da ballare, intonando il ritornello che rimane la parte più melodica e Rock, ottimi poi gli inserti ritmici e sul finale un assolo che lascia decisamente stupiti. Il Punk Rock si fa sentire più vivo in “Nazi Nuns From Outer Space” e “Mr. Rigor Mortis”, dirette e incentrate più sulle linee vocali graffianti e molto in primo piano. Nota a parte per la bellissima “Dead To Be Alive”, una ballad che nella track-list rimane quasi in disparte per la sua matrice più melodic-rock: il brano si sviluppa fino a sfumare sul Country tinto da un piano Blues che ne risalta la struttura, la voce di Edward J.Freak si alterna con una femminile e il risultato è notevole. Con “Little Scream Queen” si fanno vive le influenze Metal nonostante alcune sterzate più ruvide, le ritmiche si fanno a tratti più dure e cadenzate per poi sfoggiare in un finale che richiama il “dolce” e melodico intro. Probabilmente “Selfish Son Of A Witch” racchiude in se tutte le influenze dei SuperHorror, infatti con questo brano sono riusciti ad imprimere Metal Moderno, Rock, Funk pur mantenendo la loro matrice più Punk, creando un brano di facile impatto melodico arrichito da una struttura ben pensata, dai tappetti di basso sleppati, ai sincopati, ai semplici assoli, fino al ritornello quasi radiofonico.

 

Ci sarebbe da dire ancora tanto di questo "Hit Mania Death" ma è meglio ascoltarlo prendendo esempio da questi artisti, che riescono a non ripetersi mai e ad essere sempre freschi in ogni loro idea, riuscendo a trasportare con ironia e simpatia l’ascoltatore ad una festa fatta di ottima musica.

 

 

 

TRACKLIST

1. Ready, Steady… Die!

2. Nazi Nuns From Outer Space

3. Mr. Rigor Mortis

4. Ed Wood Blues

5. No Love For The Deceased

6. Dead To Be Alive

7. Rock Is Dead (Like Us)

8. Nice To Meat You

9. Little Scream Queen

10. Mourir, C’Est Chic

11. Selfish Son Of A Witch

12. Nekro-Nekro Gym

 

 

 

VOTO

7,5/10

 

"Nekro-Nekro Gym"

Pubblicata il 7 Novembre 2017

robin.reviews@hotmail.com

 

Insieme a voi dal

12 Ottobre 2016

by Robin Bagnolati