['selvǝ] - ''Doma'' (Steel on Fire - Metal Webzine)
TITOLO

A cura di Sara Colletti

Band nata a Lodi nel 2013, genere tra il black metal e rock, è composta da Alessandro Andriolo (chitarra e voce), Andrea Pezzi (basso e voce) e Tommaso Rey (batteria). Il trio ebbe un buon successo nell’underground internazionale grazie ai loro primi lavori e furono la band di apertura di altri gruppi importanti come Full of Hell, Shining, Celeste e Suis la Lune. Nell’album “Doma”, di cui stiamo per parlare, il gruppo vuole far sentire la propria energia live, e per farlo lavora con Fabio Intraina di Trai Studio in provincia di Milano. Qui troviamo solo due tracce che complessivamente non durano nemmeno mezz’ora, ma possiamo trovare, oltre alla tipologia di musica dei precedenti lavori, anche altri arrangiamenti che fanno notare un passo avanti della band.


"Silence" - Inizia con un’atmosfera quasi psichedelica, alternata con il suono della chitarra di gran impatto, unendosi in seguito il ritmo della batteria. Verso la fine della prima metà canzone si può sentire la potenza del metal raggiunta pian piano, lasciando il clima iniziale, dove lo scream della voce si può sentire nel sottofondo, ma non predomina mai come ci si potrebbe aspettare da una canzone di questo genere. Nella seconda metà la musica sembra cambiare melodia mantenendo la tipologia metal, le note suonate così velocemente senza mai fermarsi fanno quasi impressione all’ascolto. Se questo è l’impatto all’orecchio si può solo immaginare come sarebbe vederli esibirsi dal vivo.


"Joy" - A differenza della canzone precedente, qui si inizia con un sound rock, per poi passare ad un ritmo metal e mescolare questi due generi nel seguito della canzone, si può sentire lo scream ma come in "Silence" non occupa la maggior parte della canzone come importanza, ma accompagna gli strumenti. Anche qui, come nella canzone precedente, la velocità di suonare le note è impressionante, e si può capire l’impatto che questi ragazzi hanno fatto ai live e il motivo per cui ebbero questo successo del tutto meritato. Verso metà canzone le melodie sono più semplici, ma non per questo si abbandona l’armonia della canzone, ma è solo per questo momento, perché la difficoltà di suonare torna e loro l’affrontano facendola sembrare facile. Nella seconda metà si riprende la mescolanza del rock come avevano fatto all’inizio della canzone, per poi concludere in bellezza con questo sound a svanire.




TRACKLIST

1. Silence

2. Joy



VOTO

9/10


BAND

Full album

Pubblicata il 19 Aprile 2019

PER SOSTENERCI

REVIEWS: redazione@steelonfire.it

Insieme a voi dal

12 Ottobre 2016

by Robin Bagnolati