NITARAO - ''Nitarao EP''

NITARAO

"NITARAO EP"

A cura di Sara & Blondie,

revisione di Giulia Fordiani

I Nitarao sono una band romana attiva dal 2000 al 2005. Da non dimenticare che sono stati attivi dal 1998 con il nome di Slung Out. Il gruppo era formato da cinque membri, tra cui voce, due chitarre, un basso e una batteria. In seguito la formazione cambiò quando arrivò il nuovo bassista e si tolse una chitarra, portando la band ad avere quattro elementi: Gino alla voce, Daniele alla chitarra, Davide al basso e infine Yuri alla batteria. La loro musica si basa su un’unione di Crossover e Nu Metal, con la caratteristica di esser cantato in italiano, lingua particolare in ambito musicale che a volte può metter in difficoltà, ma non per i Nitarao. Nel corso della loro carriera hanno avuto alcune influenze come i Sepultura o i Soulfly, ma comunque sono riusciti a sviluppare un proprio stile che permane anche in alcune loro cover, arrivando a maturare sempre di più. Ora parleremo di un EP self titled di quattro tracce, registrato nel 2004 al Temple Of Noise di Roma e dato alle stampe quest’anno, dopo ben 13 anni di inedito, con Hellbones Records!

 

"NitarIntro": si sviluppa sui toni di un industrial anni ‘80, che presenta un suono ossessivo di macchinari meccanici seguito da synth che riprendono il loro ritmo martellante. Da apprezzare questa scelta azzardata che mette l'ascoltatore in un mood decisamente di larghe vedute. I minuti scorrono che è un piacere e ci portano alla seconda traccia.

"Il Potere Dei Simboli": L’inizio è caratterizzato da potenti riff di chitarra che hanno il vero e proprio effetto di un pugno in faccia. A questo punto esplode la voce in growl del cantante. Particolarità da notare subito è la scelta di cantare in italiano. La lingua italiana qui non storpia la musicalità in alcun modo, proprio come se fossero parole straniere. Il cantato si articolerà in pulito e growl. Dal minuto 2:52 riescono perfino a incastrare una parte di Darkwave anni ‘80, molto piacevole, seguita poi da chitarre distorte che, azzardiamo a dire, riportano un po’ ad alcuni ben noti Type O Negative. Il brano si conclude con un leggero cambio di ritmo e un urlo in growl.

"Esclusi": La canzone è più potente della precedente, si sente parecchio la presenza degli strumenti a corde e della batteria che prevalgono sulla parte elettronica, incalzando vari tipi di riff. La voce parte tranquilla in pulito, per poi essere “zittita” dal timbro più potente in growl, ed infine ritornare melodica con alcuni pezzi un po’ distorti. Il brano si conclude con una voce sporca e un sound tipico da Nu Metal.

"Fuori Dalla Tua Scia": La traccia si apre con un'intro di basso e batteria, seguita poco dopo da riff potenti che vengono poi messi a tacere da una chitarra orientaleggiante. In alcuni momenti la canzone può sembrare simile ad “Esclusi”, ma rimane comunque godibile.

 

Per concludere questo è stato un EP che ci è piaciuto. La band è riuscita a far coesistere generi diversi permettendo all’ascoltatore di non cadere nella noia. Da apprezzare veramente la scelta di cantare in italiano i testi, fra l’altro interessanti e intelligenti.

 

 

 

 

TRACKLIST

1. NitarIntro

2. Il Potere Dei Simboli

3. Esclusi

4. Fuori Dalla Tua Scia

 

 

 

VOTO

8/10

 

"Fuori Dalla Tua Scia"

Pubblicata il 26 Ottobre 2017

robin.reviews@hotmail.com

 

Insieme a voi dal

12 Ottobre 2016

by Robin Bagnolati