LE PIETRE DEI GIGANTI

LE PIETRE DEI GIGANTI

"FANNO MALE!"

A cura di Robin Bagnolati,

revisione di Giulia Fordiani

La band Le Pietre Dei Giganti nasce a Firenze nell’inverno del 2016, con l’intento di fondere lo Stoner Rock al lirismo del moderno cantautorato. Dopo un cambio della guardia al basso, la band incide la prima demo “Fanno Male!”, contenente due brani registrati ai Boomker Sound di Firenze, con un artwork che gioca sulla figura dei Moai di Rapa Nui (Isola di Pasqua). La lineup della band è formata da Francesco Utel (chitarra e voce), Lorenzo Marsili (voce e chitarra), Francesco Nucci (batteria) e l’ultimo entrato Niccolò Pizzamano (basso e voce).

 

La prima delle due tracce della demo è “DMA”: batteria e chitarra distorta aprono la strada ad una ritmica non eccessiva e ben dosata, dove il basso purtroppo risulta mal bilanciato arrivando quasi al rimbombo. Il cantato si presenta con un buon graffiato e con uno stile vagamente influenzato da Piero Pelù, lanciandosi in un testo in italiano non sempre perfettamente comprensibile. Da metà brano assistiamo ad un breve periodo in cui non abbiamo distorsioni eccessive. I riff risultano ben studiati e di piacevole ascolto, ma sempre con il problema del rimbombo.

 

Passiamo alla seconda canzone intitolata “Senza Pretese”: la canzone si presenta con una forte influenza blues e anche il cantato si adegua perfettamente, raggiungendo note basse con una timbrica calda. La calma però è relativa, perché il ritornello alza un bel po’ i toni, con un cantato meno impostato, una ritmica molto più decisa e la distorsione delle chitarre che aumenta. Molto ben fatto il solo di chitarra poco prima dei 3 minuti, che ci porta in atmosfera rock’n’roll, anche se leggermente riadattato. Avviandoci verso il finale ritroviamo il ritornello, come da schema classico delle canzoni di musica leggera (strofa, ritornello, strofa, ritornello, bridge/solo, ritornello).

 

Purtroppo la giovane storia e il poco materiale non ci permettono di dare giudizi approfonditi sulla band, ma da questi due brani si può ben percepire la passione del gruppo per la loro musica, fatto facilitato dalla registrazione in presa diretta. Il secondo brano risuona migliore del primo, con più varietà e soprattutto meno problemi di volumi, che penalizzano oltremisura un primo brano che lascia qualche dubbio.

 

 

 

 

 

VOTO

6/10

 

Pubblicata il 12 Giugno 2017

LE PIETRE DEI GIGANTI

Pagina Facebook

Bandcamp

Insieme a voi dal

12 Ottobre 2016

robin.reviews@hotmail.com