FELIS CATUS - ''Banquet On The Moon'' (Steel on Fire - Metal Webzine)

FELIS CATUS

"BANQUET ON THE MOON

A cura di Robin Bagnolati

revisione di Giulia Fordiani

Ho già avuto modo in passato di recensire Felis Catus riscontrando un lavoro di qualità. Ora grazie a Masked Dead Records mi trovo a recensire il nuovo lavoro del progetto di Francesco Cucinotta intitolato “Banquet On The Moon”, in uscita il 25 Settembre 2018. Già il Death/Black di Felis Catus aveva un che di personale, ma con questo EP si entra ancora di più in un ambito intimistico con una buona dose di contaminazioni da altri generi.

 

Banquet On The Moon” - La title track vede la presenza di Slim alla voce backing vocals. L'inizio è assolutamente da brividi, prima di lasciare spazio ad un momento molto più riflessivo, quasi ambient. Bello l'utilizzo dei suoni elettronici, quasi a ricordare vecchie colonne sonore di film horror. Già si possono chiaramente percepire le differenze stilistiche rispetto ai lavori precedenti. Il growl, nei brevi periodi in cui appare, impreziosisce ancora di più il brano. Dario Argento, fossi in te ci farei un pensierino...

Cydonia” - In questo brano entra in scena Matteo Antonelli ad affiancare Felis Catus. Un Rock oscuro ci avvolge e lo scream di Matteo rende tutto ancora più piacevolmente inquietante, insieme al testo recitato “al telefono”. Un ottimo mix tra Black Metal e Ambient, con una dose non indifferente di elettronica. Un brano difficile da dimenticare.

Baron Munchausen” - Una voce registrata, suoni elettronici e una chitarra che entra in scena quasi acustica. La ritmica, non veloce, sfocia nel tribale per dare poi spazio a sonorità più tipicamente Metal. Questo brano è veramente un viaggio perchè non mancano nemmeno influenze mediorientali. C'è davvero da divertirsi.

Eternity (The Nothigness)” - Ora tocca ad Alessandro Riva coadiuvare Mr. Felis Catus alla voce. Subito sonorità oscure, accordi distorti e una ritmica molto lenta. Il suono dell'Hammond accresce l'aura di mistero che cresce di secondo in secondo. Lo stile del cantato riporta ad altri generi, più vicini al mondo core rispetto al Metal più tradizionale. Il basso ha una parte a dir poco essenziale, donando una profondità senza la quale questo brano rischierebbe di perdere molto appeal.

 

Leggendo il nome Felis Catus ci si aspetta un certo tipo di lavoro e questo EP rappresenta una vera sorpresa. Atmosfere cupe rese alla perfezione, voci usate con parsimonia nei momenti giusti. Un disco che prende e chiede di essere ascoltato e riascoltato per poterne godere a pieno. Ma ora basta con le parole e godetevelo!

 

 

 

TRACKLIST

1. Banquet On The Moon

2. Cydonia

3. Baron Munchausen

4. Eternity (The Nothigness)

 

 

VOTO

8,5/10

 

Pubblicata il 24 Settembre 2018

FELIS CATUS

Pagina Facebook

 

 

 

robin.reviews@hotmail.com

 

Insieme a voi dal

12 Ottobre 2016

by Robin Bagnolati