DESCENDIT - ''Brains on Sale'' (Steel on Fire - Matal Webzine)
TITOLO

A cura di Igor Gazza

In questa estate calda ed afosa cosa c'è di meglio di una bella bibita gelata mentre ti leggi la mia recensione dei Descendit? Nulla, quindi eccoti servito amico lettore... I Descendit sono un band grindcore di Torino. Nascono nel 2017 dall’incontro di Diego e Sok: rispettivamente batteria e chitarra. In seguito si aggiunge Andrea alla voce. Il sound proposto è una sorta di grindcore/crust con influenze brutal/slam.

"Immancabilmente autoironici, apolitici e patologicamente attratti dall’improvvisazione creativa, i Descendit, propongono un genere estremo senza tempo e senza vincoli, altamente offensivo alla razionalità ed al pseudo intelletto umano." [cit. bio della band]


Rabbits Are Jealous And Vengeful People” - Si inizia con dei versi animaleschi che si mischiano a chitarra e batteria per esplodere nei secondi finali dove la voce in perfetto stile grindcore scalda l'aria, ultra veloce e potente.

NME” - La costruzione del brano qui è più articolata: sebbene la traccia duri solo 49 secondi si riescono ad apprezzare le buone architetture di batteria, voce sempre tirata ma questa volta con delle sfumature più roche e meno "strappate".

Let's All Be Friends And Respect Each Other No Matter You're Wrong About Everything” - Voce death metal e ritmo sinusoidale, 30 secondi di fuoco, meno male che come dice il titolo "siamo tutti amici"... Se eravamo nemici che facevano?

You're A Feminist, Still Let Me Ask You Something” - Il nome del pezzo pare una minaccia... Stile molto aderente al grindcore/crust, pesante e veloce, voce graffiante e melodiosa... No scherzo è cattivissima, e la maestria dei Descendit sta proprio nel riuscire a mettere la doppia voce growl e scream in un brano come questo.

We Wanted To Dedicate This To Seth Putnam But We Just Found Out Josh Martin's Dead Too, So This One's For Both” - Come si legge questo brano è dedicato a Seth Putnam e Josh Martin, voce e chitarra degli Anal Count prematuramente scomparsi, il pezzo si apre con delle voci poi una fiammata strumentale a sedare ogni dubbio.

You've Got Something On Your Chin” - Anche qui si parte con un vocale, il brano si "inferocisce" quasi subito lavoro di batteria e chitarra davvero apprezzabile, la voce è doppia con delle parti un growl e delle parti più abrasive.

It's Always Rainy In The UK” - Fino ad ora il brano più lungo, 1 minuto e venti secondi: si inizia con un bel solo di batteria che diventa un "mood" per tutto il pezzo. Non solo possiamo notare anche una sorta di melodicità in tutto questo, una traccia non minimale come le altre ma più strutturata.

A Little Outskirts' Bourgeois” - Facciamo pure le citazioni in francese... Un gruppo di allegri burloni questi Descendit, ma dopo questo bon-bon, per rimanere in tema con il linguaggio transalpino, arriva una mazzata tra gli occhi, infatti dopo l'inizio di chitarra parte la batteria coadiuvata dalla voce in growl. Un brutal death metal fulminante, anche se questa volta non si esagera con la velocità.

It Is Stricly Forbidden For Christians To Play Porngrind, To Exibit It In Public And To Make Copies And-Or Audio Tracks Of It” - Come un'appendice del brano precedente questi ulteriori 17 secondi sono uno schiaffone in faccia, forse più veloce però...

Brains On Sale” - La title track parte cazzutissima, brutal death metal duro e puro, un brano divertente che si lascia ascoltare anche da chi non è avvezzo al genere.

Chuck Norris' Secret Weapons Of Mass Destruction” - Belle le trame di chitarra e batteria tessute nel brano, ritmo molto altalenante, mi piace poco la voce: diventa quasi una cantilena che alla lunga risulta monotona.

Miss Piggy's Foo-Foo Bestiality” - Hanno fatto un pezzo di 8 secondi fantastici!!!!!!

It's Called Democracy Because Betacracy Sounds Bad” - Ormai le nostre orecchie sono devastate dalla potenza di fuoco dei Descendit, anche qui ci troviamo di fronte a una mattonata chitarra e batteria pesantissime, la voce è ringhiate e sanguigna...

Never Underestimate The Importance Of Hair Stylists” - Allora capiamoci. ma come cazzo si fa a mettere un pezzo grindcore nello spot di un noto assorbente per signore??? Qui stiamo raggiungendo dei livelli di follia assoluta ma il brano che c'è dentro lo spot è una mazzata nelle palle... Ma poi è tutto asciutto e pulito... e possiamo passare all'ultimo pezzo.

A Piece Of Bread” - L'ultimo brano è qui!!! Cosa possiamo dire, qui ci troviamo di fronte al pezzo più complesso dell'intero album, sia per le architetture sonore che per la rabbia che infonde, stiamo parlando di canzoni che non durano mai più di due minuti ma qui anche nella ristrettezza dei tempi si sfiora il miracolo...


Non sono tipo da grindcore, un disco che dura 11 minuti non è nei miei parametri, ma devo dire che questo disco dei Descendit l'ho recensito con piacere, ed ammetto che suonare questo genere non sia assolutamente facile vuoi per per la velocità esecutiva vuoi per la necessità di fare dei pezzi ultra corti e cattivi. Un disco che comunque appaga i cultori del genere ma dubito possa piacere ai non avvezzi al genere.




TRACKLIST

1. Rabbits Are Jealous And Vengeful People

2. NME

3. Let's All Be Friends And Respect Each Other No Matter You're Wrong About Everything

4. You're A Feminist, Still Let Me Ask You Something

5. We Wanted To Dedicate This To Seth Putnam But We Just Found Out Josh Martin's Dead Too, So

This One's For Both

6. You've Got Something On Your Chin

7. It's Always Rainy In The UK

8. A Little Outskirts' Bourgeois

9. It Is Stricly Forbidden For Christians To Play Porngrind, To Exibit It In Public And To Make Copies And-Or Audio Tracks Of It

10. Brains On Sale

11. Chuck Norris' Secret Weapons Of Mass Destruction

12. Miss Piggy's Foo-Foo Bestiality

13. It's Called Democracy Because Betacracy Sounds Bad

14. Never Underestimate The Importance Of Hair Stylists

15. A Piece Of Bread


VOTO

7/10


CD

"Brains on Sale"

Pubblicata il 11 Agosto 2019

STEEL ON FIRE - METAL WEBZINE CHIUDE A FINE 2019.

REVIEWS: redazione@steelonfire.it

Insieme a voi dal

12 Ottobre 2016

by Robin Bagnolati