DANCING SCRAP - ''This Is Sexy Sonic Alternative Iron Punk''

DANCING SCRAP

"THIS IS SEXY SONIC ALTERNATIVE IRON PUNK"

A cura di Sara&Blondie,

revisione di Giulia Fordiani

I Dancing Scrap nascono nel settembre 2008 grazie a Ronnie Abeille, cantante e compositore. Ci furono dei cambiamenti di formazione e in seguito era previsto un tour in Germania che Ronnie non fece iniziare. Ma a fine dell’anno 2011, più precisamente a Novembre, iniziò di nuovo a lavorare in campo musicale con nuovi componenti della band, suonando nei club più importanti di Roma nei due anni successivi e rilasciando due demo: uno nel 2012 (“The Main Attraction”) e uno nel 2013 (“Commercial Crap”), realizzando inoltre 15 concerti a Londra. L’anno consecutivo i Dancing Scrap iniziarono a lavorare col produttore Gianmarco Bellumori al primo album “Cut It Out”. Dopo questo album la band ebbe nuovi cambi di componenti che portarono alla formazione attuale: Ronnie alla voce, Sal Ariano ed Eugenio Pavolini alle chitarre, Bobby Gaz al basso e Danilo alla batteria. Nel 2016 iniziano nuovi progetti come la pubblicazione di un video musicale intitolato ”Sam”, mentre il 21 settembre fecero un tour europeo (Croazia, Slovenia e Ungheria). L’anno successivo a febbraio fecero uscire il loro secondo album e suonarono con band come i Warrior Soul, nell’ottobre invece pubblicarono l’album “This Is Sexy Sonic Alternative Iron Punk” con 11 tracce, alcune delle quali verranno descritte ora.

 

Acid” - Inizia con interferenze e colpi di tosse per poi rompere il ghiaccio con le chitarre elettriche, la voce è più graffiante, molto particolare per un cantante, poiché solo in pochi riescono ad avere tale elasticità. La base ricorda molto bene il rock per gli strumenti adatti e il modo in cui son suonati con i loro riff.

Big Fucking Deal” - Anche qui la voce tende a cambiare, non per via dell’elasticità ma perché modificata, facendo vedere la loro continua ricerca di cambiamento di canzone in canzone mantenendo pur sempre un determinato stile che è la strada che vorranno seguire. Ritornando alla voce, anche il modo di cantare è cambiato: meno melodico e più veloce con molti meno cambi di note. C’è pure un assolo di chitarra elettrica che rivitalizza per breve tempo il sound, mentre nel resto del tempo gli strumenti tendono a rimanere ritmici e accompagnano la voce, ma il tutto è condito con effetti sonori dati a computer.

I Like It” - Questo fu il singolo pubblicato nel giugno 2017 prima dell’uscita del suo album. Ha una bella base rock, piena di riff, effetti sonori. Anche qui Ronnie fa vedere le sue capacità, ad una prima impressione può sembrare che il cantante stia facendo Rap, poi la voce è quasi completamente modificata, le sue note sono statiche, non si sposta troppo dalla sua tonalità di base, ma riesce comunque a seguire la musica ed a rendere il cantato orecchiabile. Non manca un assolo di chitarra che dà quel tocco rock che non vogliono far perdere dagli effetti sonori.

The Rocker You’re Not” - Inizia a suon di batteria seguito dalle chitarre. Come il titolo insinua hanno più rock rispetto alle altre canzoni, ma gli effetti sonori che li distingue non scompaiono, pur essendo molto deboli, quasi impercettibili, mentre gli strumenti questa volta prevalgono e sono importanti quanto la voce. Gli assoli sono più lunghi e particolari, mentre il testo tende ad esser monotono. In questo giro voce e base musicale hanno ruoli invertiti.

Watered Down Drink” - Segue la canzone descritta precedentemente, ma ha un timbro più allegro per via dei riff con accordi maggiori. La voce qui ha riacquistato la sua importanza, è modificata solo a tratti, per la maggior parte è naturale facendo sentire il suo timbro particolare. Le parti strumentali sono più lunghe rispetto alle altre canzoni.

 

Le canzoni sono abbastanza brevi, ma una lunghezza giusta per il loro stile poiché si tende a ripetere parole e note. Gli strumenti hanno un ruolo fisso col rock che in diverse occasioni sono riusciti a mescolarlo con effetti sonori di tutt’altro genere, mantenendo un’armonia ben ascoltabile all’orecchio. Ed infine la voce, elemento più importante: timbro sull’orlo del nasale, e sicuramente per il suo fisico non ha troppa estensione vocalefra una nota e l’altra, ma non è questo che non gli permette di cantare in maniera diversa, aiutato anche dal fatto che in diverse occasioni la sua voce è stata modificata. Insomma è una band che varia da una canzone all’altra, come è giusto che sia, mantenendo comunque uno stile Indie/Punk.

 

 

 

TRACKLIST

1. Acid

2. Big F@Ckin' Deal

3. I Like It

4. Renegades

5. SWC

6. Ready for the Show

7. The Rocker You're Not

8. My Goddess

9. Yet to Come

10. Watered Down Drink

11. Bitch...And You Know It

 

 

 

VOTO

7/10

 

"I Like It"

Pubblicata il 11 Marzo 2018

DANCING SCRAP

Pagina Facebook

 

robin.reviews@hotmail.com

 

Insieme a voi dal

12 Ottobre 2016

by Robin Bagnolati